Lina: Prova con Gesù

Lina: Prova con Gesù

a cura di Nicola Andrea Scorsone

In una solita triste notte in discoteca, dopo tanto tempo, incontrai un amico. “Come stai?” mi disse “Come vuoi che stia?” gli risposi, “Le piante vegetano, io non faccio più nemmeno quello!” - “Perché non provi con Gesù?”, propose. “Gesù…, dove lo vedi qui Gesù, in mezzo a questa marmaglia di drogati pervertiti, egoisti e omosessuali?!”. Ma lui con insistenza mi propose di leggere la Bibbia, lì avrei trovato Gesù.

Così iniziai a leggere la Bibbia. Il mio amico Salvatore mi stava vicino, curandomi e insegnandomi le cose belle del Vangelo. Una sera con una mia cugina mi decisi ad andare ad una riunione, non ricordo niente della predica, ma un canto mi sconvolse profondamente fino alle midolla delle ossa, facendomi scorrere fiumi di lacrime.

Del mondo edace – Non vò goder

Gioia fallace – Né rio piacer;

Ma il guardo ho fisso – E anelo a Te

Che crocifisso – Fosti per me.

Fin da bambina non sono stata molto religiosa, ma quando entravo in una chiesa cattolica, nessuna immagine attirava i miei sguardi se non quella del crocifisso; vedendolo inchiodato a quel modo sentivo nel mio intimo un beneficio, un calore, che mi faceva intravedere in un mondo egoista e prepotente, un po’ di altruismo, serenità e vero amore.

Quel canto mi fece rivivere questi sentimenti, trasportandomi nella vera realtà della vita, vi era qualcosa in più di un mondo edace, cioè, che distrugge e che divora, che dà una gioia falsa e un rio (malvagio) piacere. In quell’attimo ho capito, non volevo più godere di queste cose. Adesso il mio sguardo l’avevo posto fisso su Gesù e anelavo solo a Lui che crocifisso fu per me.

Andai a casa, mia cugina, con la quale non facevamo niente separatamente, proseguì nella via delle discoteche, io, tuttora pregando per lei, affinché abbia la mia stessa felice esperienza con Gesù, mi fermai, leggendo instancabilmente la Bibbia. “Buon giorno, mamma!” – “Ciao, mamma!” – “Come stai, papà?”. Erano queste le mie nuove cortesie verso i miei genitori accompagnati con un larghissimo sorriso.

Dopo tantissimo tempo passato ad ignorarli e ad urlare loro contro con un profondo cruccio, come se erano loro i responsabili dei miei malumori passati. Loro mi guardavano increduli e perplessi, con gli occhi sgranati, “sarà impazzita!?” pensavano, “cosa succede a nostra figlia, non è normale!”.

Già, per loro la mia normalità non era quella, ma ora tutto era cambiato: la vita, l’amore, la pace erano entrati nel mio cuore, tutte queste cose per me ora avevano un nome e si chiama Gesù.

Quella brava ragazza che la mia religione mi faceva pensare di essere, Dio tramite la Bibbia, mi fece vedere che era perduta e bisognosa del Salvatore Gesù. Così mi diedi anima e corpo al Signore Gesù Cristo. Oggi vivo, non vegeto più, e sono incredibilmente felice di aver trovato l’amore che da sempre avevo cercato.

Il mio tempo lo trascorrevo divorando la Parola di Dio, tanto che per non smettere di leggere non fumai più. Parlando di Gesù a parenti e amici, sconvolti dal mio radicale cambiamento, ho potuto aiutare alcuni di loro ad accettare Gesù come loro personale salvatore. Nel frattempo ho conosciuto quello che poi è diventato mio marito ed insieme andiamo predicando la buona novella di Gesù. E così continueremo fino al vicin ritorno di Gesù.

Il Signore vi benedica.

Il Signore viene!

Lina M.

E tu, vuoi provare con Gesù?

nikscorsone.maranath@libero.it



0 Commenti | Letto 1.497 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (1 voti finora, media di: 5,00 su 5)
Caricamento ... Caricamento ...