Giovanni, Capaci (PA)

Mi chiamo Giovanni e  vivo a Capaci in provincia di Palermo.

Fin da piccolo ho sempre saputo che esisteva un Dio, ma le mie idee non erano chiare, anche se la mia famiglia era credente.

Ma un giorno di estate tramite le conoscenze di mio fratello e di mia sorella  arrivò un e-mail dove c’era un iscrizione per un campeggio a Cerda per una settimana.

Dopo tante discussioni tra me mio fratello e mia sorella decisimo di andarci.

Durante questo campeggio imparai molte cose ad esempio che esisteva un Dio e che era morto per me, ed era anche risuscitato.

Anche se avevo quasi 8 anni avevo compreso chi era Gesù e quello che ha fatto per me ma dentro di me c’era qualcosa che non andava cioè non avevo accettato Cristo Gesù nella mia vita.

Dopo tanti campeggi e tante esperienze ancora non avevo capito che per togliermi quel peso dovevo accettare il Signore, il mio cuore sapeva quello che doveva fare ma aveva paura e incertezza.

All’età di 11 anni non ero cambiato, anzi la mia paura e la mia incertezza era aumentata, ma una sera dopo aver finito di giocare con il computer avevo notato un icona che non era stata mai li, allora per curiosità domandai a mio fratello, ma lui rispose che non la dovevo aprirla perché era una sorpresa.

Dopo qualche ora mio fratello accese il computer e chiamo a me, mia sorella e mia madre, dopo mio fratello apri questa icona che raccontava delle storie di persone che erano morte, di fotografie di mostri dentro le grotte e immagini di fantasmi durante la guerra, tutto ciò mi fece paura e allora non guardai più ma sempre per curiosità non lo feci e quando fini ci fu un urlo spaventoso e da quel momento non c’è la feci più, scoppiai a piangere, mi sentivo osservato, terrorizzato, impaurito, cercavo di calmarmi ma non ci riuscivo, il mio cuore batteva velocemente, allora mia madre capi in quel momento che era arrivata l’ora di accettare il Signore nella mia vita, iniziammo a camminare verso il bagno e mi inginocchiai davanti alla vasca e da quel momento in poi cambiai totalmente, il mio cuore si apri, non avevo più paura, non ero terrorizzato al contrario ero felicissimo, ero un’altra persona.

Da quel momento in poi potevo affermare con certezza che io ero un figlio di Dio e con lui non potevo avere mai più paura neanche nelle situazioni più difficili perché il Signore mi protegge.

Giovanni R.



1 Commenti | Letto 1.276 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...