Se non sei salvato, sei perduto

Ogni religione ha i propri agnelli, i propri sacrifici. Lo scorso mese di dicembre per i musulmani è stato il mese del sacrificio dell’agnello o di un capretto, per l’espiazione dei loro peccati. I senegalesi, in wolof (la loro lingua), la chiamano la festa del “Tabaski”.

Così mi son trovato a leggere ad alcuni di loro un verso della Bibbia in Ebrei 10:1-4“La legge… non può mai rendere perfetti quelli che si accostano a Dio con gli stessi sacrifici che vengono offerti continuamente, anno dopo anno. Altrimenti si sarebbe cessato di offrirli, perché gli adoratori, una volta purificati, non avrebbero avuto più alcuna coscienza dei peccati. In quei sacrifici invece si rinnova ogni anno il ricordo dei peccati, poiché è impossibile che il sangue di tori e di capri tolga i peccati.” - “Voi” dissi, “ora vi sentite liberati dai peccati e sicuri del paradiso?” – “No!” fu la risposta.
Allora la Parola di Dio ha ragione! “L’Agnello giusto per una risposta positiva si trova in Giovanni 1:29” e ho letto il passo: “Il giorno seguente, Giovanni vide Gesù che veniva verso di lui e disse: «Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!”
Un amico cattolico, ascoltando il tutto disse: “Si, però noi siamo nel giusto, perché il prete offre l’ostia, che rappresenta il vero Agnello!” Così leggemmo insieme Ebrei 10:10/14:“Per mezzo di questa volontà, noi siamo santificati mediante l’offerta del corpo di Gesù Cristo, fatta una volta per sempre. E, mentre ogni sacerdote è in piedi ogni giorno ministrando e offrendo spesse volte i medesimi sacrifici, che non possono mai togliere i peccati, Egli invece, dopo aver offerto per sempre un unico sacrificio per i peccati, si è posto a sedere alla destra di Dio… Con un’unica offerta, infatti, egli ha reso perfetti per sempre coloro che sono santificati.”
Come vedi per la salvezza dell’anima tua, non cambia nulla avere sacerdoti che offrono sacrifici anno dopo anno, o che lo fanno spesso, giorno dopo giorno. Gli odierni Ebrei stessi non avendo più né Tempio né altare invece di agnelli nel giorno del Yom Kippur, la festa dell’espiazione dei peccati, sgozzano una gallina. Cose che Dio non ha mai ordinato.
Purtroppo gli uomini, dopo aver rifiutato il vero Agnello, cercano di giungere al perdono con l’auto giustificazione di mille opere. Uomini perduti in religioni morte.
Un solo Agnello può espiare i peccati e portare con estrema certezza nel paradiso di Dio, Gesù, perché Lui è il centro, l’inizio e l’adempimento di ogni profezia. Gesù la prima volta è venuto come Agnello per salvare, la seconda verrà come Giudice. .
Per te sarà di capitale importanza che ti trovi salvato. Per questo non affidarti ai tanti inutili sacrifici umani, ma al Suo, come Agnello senza difetto né macchia.
A te la scelta.

nikscorsone@maranatha-soon.it



0 Commenti | Letto 1.338 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...