Salvezza gratuita?

“Sapendo che non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati… ma con il prezioso sangue di Cristo, come quello di un agnello senza difetto né macchia”.
1Pietro 1:18,19

Spesso si sente dire che il perdono di Dio è gratuito. Sicuramente ciò è giusto; la Bibbia lo ripete fino all’ultimo capitolo: “Chi vuole, prenda in dono dell’acqua della vita” (Apocalisse 22:17). E ancora: “Tutti coloro che credono… sono giustificati gratuitamente per la Sua grazia, mediante la redenzione che è in Gesù Cristo” (Romani 3:22,24).

Ma se la salvezza è gratuita per chi viene a Dio e gli confessa i suoi peccati, lo è in virtù del fatto che il suo prezzo è stato già pagato; pagato dallo stesso Figlio di Dio, che ha dato il suo sangue, la propria vita.

Nessuno potrà mai misurare ciò che è costato al nostro Salvatore il riscatto di un solo peccatore. Non solo Gesù ha dovuto subire il supplizio infamante della crocifissione, ma sopratutto ha accettato il giudizio terribil edella giustizia divina per ogni nostro peccato.

Alla fine delle tre spaventose ore di tenebre, durante le quali “l’Eterno ha fatto ricadere su di Lui l’iniquità di noi tutti” (Isaia 53:6), ha esclamato: “è compiuto” (Giovanni 19:30).

Questa espressione è la traduzione di una parola greca che si apponeva in fondo a una fattura saldata e che vuol anche dire: “pagato”.

Amici lettori, pensiamo all’interesse che ha per noi il Figlio di Dio, che non si è tirato indietro davanti al prezzo da pagare per la nostra salvezza! Non dimentichiamo mai ciò che è costato al nostro caro Salvatore il riscatto della nostra anima. Questo ci condurrà sempre alla lode e all’adorazione.

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 1.387 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...