Prendete Dio in parola

Prendete Dio in parola
Egli disse: “Signori, che debbo fare per essere salvato?” (Gli apostoli gli risposero:) “Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato”.
Atti 16:30-31

“Ravvedetevi e credete al Vangelo”.
Marco 1:15

L’invito che la Bibbia ci fa è di volgerci verso Gesù Cristo, a dargli la nostra vita.
Questo, che la Parola di Dio chiama “conversione”, “nuova nascita”, è indispensabile per essere riconciliati con Dio e per conoscerlo come un Padre. Ma come fare praticamente?

Vi suggeriamo di parlare a Dio nel modo più semplice che esista, con le vostre parole. L’importante è non fare delle belle frasi né ripetere un credo. Quello che conta non è la forma ma la sostanza. Dio vi accetterà così come siete, con le vostre imperfezioni, esitazioni ed incertezze.

Quello che Dio aspetta da noi è il nostro accordo sulla valutazione che Lui fa del nostro stato: per Dio noi, come tutti gli uomini, siamo morti nelle nostre colpe e nei nostri peccati (Efesini 2:1) e, come dei morti, non possiamo fare niente per uscirne da soli; non ci resta altro che aspettare con angoscia il suo giudizio.

Ma Dio è amore e non è questa la fine che Egli desidera per la sua creatura. Quello che siamo incapaci di fare, lui l’ha fatto per noi: ha regolato la questione dei nostri peccati, infliggendo a suo Figlio, Gesù Cristo, il castigo che noi meritavamo.

Dio afferma nella Bibbia che “chi crede nel Figlio ha vita eterna” (Giovanni 3:36). Questa si che è un’offerta straordinaria.

AFFERRATE LA VITA ETERNA, PRENDETE DIO IN PAROLA!

tratto da il “buon seme”



0 Commenti | Letto 1.607 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...