Misconosciuto

Quando il figlio di Dio è venuto sulla terra, non s’è rivelato con potenza e maestà. È cresciuto nel piccolo borgo disprezzato di Nazaret ed ha imparato un lavoro manuale. Gesù ci è venuto incontro nella più grande umiltà. I più poveri, i più disprezzati potevano avvicinarsi a lui. Ha nascosto la sua gloria divina per condividere la nostra condizione e soprattutto per dare la propria vita per amore.

Esteriormente, non c’era dunque nulla che distinguesse Gesù dagli altri uomini, ma nello stesso tempo era interamente diverso dagli altri. Era incompreso persino dai suoi fratelli, ma il suo amore, il suo desiderio ardente di glorificare Dio, le sue parole, i suoi atti, tutto era unico in lui.

I grandi di questo mondo non hanno compreso chi fosse Gesù. Solo gli umili, quelli che risentìvano la propria perdizione morale hanno preso coscienza del fatto che Gesù era il Messia promesso, il Salvatore del mondo, ed hanno creduto in lui.

Ancora oggi, Gesù non s’impone, ma si rivela a chi lo cerca.
Possiamo incontrarlo, non fisicamente, ma per la fede. Quello che c’impedisce di farlo sono i nostri pregiudizi, l’incredulità, l’orgoglio, le nostre vane pretese.

Ma Gesù ci aspetta. Per incontrarlo, leggiamo la Bibbia, cominciando dai Vangeli. Preghiamo Dio di togliere dai nostri cuori le barriere che c’impediscono di confidare in lui. Allora lo conosceremo in modo reale. Conosceremo Gesù come colui che ci ama e che ci ha salvati, che ci starà sempre accanto nella vita, finché saremo con lui per l’eternità.

Hai tu un rapporto personale con Lui?

“esponiamo la sapienza di Dio…
che nessuno dei dominatori di questo mondo ha conosciuta;
perché, se l’avessero conosciuta,
non avrebbero crocifisso il Signore della gloria.”
1 Corinzi 2:7-8

“Gesù gli disse:Da tanto tempo sono con voi
e tu non mi hai conosciuto, Filippo?”
Giovanni 14:9


0 Commenti | Letto 1.315 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...