La fede, ancora dell’anima

“Abbiamo cercato il nostro rifugio nell’afferrare saldamente la speranza che ci era stata messa davanti. Questa speranza la teniamo come un’ancora dell’anima, sicura e ferma, che penetra oltre la cortina, dove Gesù è entrato per noi quale precursore.”
Ebrei 6:18-20

Osservando l’ancora di un peschereccio adagiato su una banchina, pensiamo a quella figura che troviamo nella Bibbia per illustrare la serenità dell’anima che riposa su Dio. Se abbiamo messo la nostra fiducia in Cristo Gesù, possiamo dire: “Solo in Dio trova riposo l’anima mia; da lui proviene la mia salvezza” (Salmo 62:1).

La nostra speranza, come un’ancora, “sicura e ferma”, è resa solida dalla persona del nostro Salvatore. E’ in lui che abbiamo “cercato il nostro rifugio”, mediante la fede nel suo sacrificio alla croce.

Gesù si trova “ora alla presenza di Dio per noi”; per tutti quelli che hanno creduto e hanno ricevuto per mezzo di lui la vita eterna (Ebrei 9:24).
E’ il loro “precursore”, cioè colui che è entrato prima di loro nel cielo. Così tutti i credenti hanno la certezza di raggiungere il riposo con lui.

Gesù Cristo si occupa continuamente di ogni credente. Egli “vive sempre per intercedere per loro” (Ebrei 7:25). Li sostiene in tutti gli aspetti della vita sulla terra. Mantiene il loro cuore nella pace, mentre godono della prospettiva di essere con lui, pur attraversando le tempeste della vita.

Abbiamo trovato questo “rifugio” credendo al Figlio unico di Dio, morto per i nostri peccati, risorto e salito in cielo, garante della nostra salvezza eterna?

“Il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e di ogni gioia e di ogni pace della fede” (Romani 15:13).

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 1.571 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...