La noce di cocco

palma“Getta il tuo pane sulle acque, perché dopo molto tempo lo ritroverai”.

Ecclesiaste 11:1

“Non ci scoraggiamo di fare il bene… mieteremo a suo tempo”.
Galati 6:9

“Beati voi che seminate in riva a tutte le acque”.
Isaia 32:20

La palma di cocco, mollemente adagiata su una spiaggia di sabbia fine sul bordo di una laguna blu, è ben più di una scena esotica da cartolina postale.

E’ un “albero di vita” per gli abitanti di quelle isole, i quali utilizzano i suoi rami come copertura, il suo germoglio come cibo, la sua linfa come bevanda.

Il suo frutto poi, la noce di cocco, è utilizzato per intero: fibre, latte, mandorla, polpa.
Sapevate che questo frutto può galleggiare per dei mesi sull’acqua e poi, una volta arenato su una spiaggia, dare origine a un albero?

Gettare del seme sull’acqua e sperare di fare una raccolta può sembrare estremamente improbabile; eppure la Bibbia ci incoraggia ad agire così in certi casi. Gettare il pane sulla superficie delle acque, come è scritto in Ecclesiaste 12, equivale a seminare senza la previsione di un risultato. E’ fare ciò chre è nelle nostre possibilità, lasciando che Dio compia l’imprevedibile, l’impossibile.

Allo stesso modo, quando spandiamo l’Evangelo, il vero pane di vita, dobbiamo accettare i rischi che questo comporta, e non lasciarci fermare dalle obiezioni e dalle difficoltà ma lasciare a Dio la cura di far germogliare nei cuori questo seme di vita.

Chi dice semina dice messe. Dio promette che, come la pioggia e la neve innaffiano la terra e fanno germinare i semi e dare dei raccolti, così la Parola di Dio non tornerà a lui senza risultato. (Isaia 55:10-11).


0 Commenti | Letto 1.289 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...