L’orologio depresso

L’orologio depresso

Hai sentito dell’orologio che ha avuto un esaurimento nervoso?

Un giorno incominciò a pensare a quanto avrebbe dovuto ticchettare durante l’anno successivo. Calcolando due ticchettii al secondo, 120 al minuto, 7200 all’ora, 172.800 al giorno e  1.209.600 ogni settimana, l’orologio si rese subito conto che per i 12 mesi successivi avrebbe dovuto ticchettare quasi 63 milioni di volte.

Più ci pensava e più diveniva ansioso. Alla fine la pressione fu troppa e l’orologio ebbe un esaurimento nervoso. Allo psichiatra confidò di non avere la forza di ticchettare tanto. Il medico chiese: “Ma quanti ticchettii devi fare alla volta?”. L’orologio rispose: “Soltanto uno”. “Be’ allora fanne uno alla volta e non ti preoccupare di quello seguente”, consigliò il medico, “Sono sicuro che te la caverai bene.” L’orologio fece proprio così. E continuò la sua vita felice e contento.

Anche tu a volte ti trovi di fronte a qualche problema che ti sembra insormontabile? Il peso che da tanto tempo stai portando ti appare troppo gravoso? Il futuro appare minaccioso? Getta il tuo peso sul Signore.

ChiediGli di aiutarti oggi. Come disse Gesù: “Non siate dunque in ansia per il domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. Basta a ciascun giorno il suo affanno” (Matteo 6:34). Prendi un ticchettio alla volta!

Quando ogni preoccupazione viene portata a Dio con fede non abbiamo più il terreno sul quale fondare le nostre ansietà. In questo anno che si è concluso, come quello che comincia, forse come l’orologio depresso siamo passati e passeremo attraverso tante prove, ma eccoci ancora qui, vivi! Una fortuna! no, un favore da parte di Dio, che concede ancora del tempo per riconciliarci con Lui.

Chi confida in Gesù ha messo il futuro nelle Sue mani e sa che, qualunque cosa accada, il suo Dio e Padre gli sarà al fianco per incoraggiarlo, aiutarlo, consolarlo… Sa che si avvicina sempre di più il momento in cui Gesù ritornerà per prendere tutti i Suoi e portarli alla presenza del Padre, dove la felicità è infinita ed eterna. Allora sì, veramente, “il meglio è davanti”.

Per chi non conosce ancora Gesù personalmente, incomincia un nuovo anno di grazia. Caro amico, se non hai certezze riguardo all’avvenire, se oggi sei dominato dalla paura, allora ti diciamo vai a Gesù, Egli vuole trasformare il tuo duolo in gioia e riempire il tuo cuore del Suo amore e della Sua pace. Per poter dire con noi:

“Il meglio è davanti a me!”.
Te lo auguriamo per un anno felice con Gesù.

nikscorsone@maranatha-soon.it



0 Commenti | Letto 1.799 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...