Il VIRUS più temibile

Il VIRUS più temibile

La parola “virus” è apparsa due secoli fa nel vocabolario della biologia e della medicina; ora la troviamo in quello dell’informatica. Indica un piccolissimo elemento che s’introduce in un essere vivente o in un computer e riesce a deteriorarlo, modificando dall’interno le sue funzioni vitali.

Ma ne esiste uno molto più pericoloso e devastante di quello della “suina” (un virus-cocktail, un po’ umano, un po’ suino e un po’ aviario), della “mucca pazza”, o dell’AIDS. Intendiamo parlare di quello denunciato dalla Bibbia e che infetta ogni essere umano, volente o nolente: il PECCATO.

Questo virus mortale ha contaminato Adamo ed Eva, ed ha infettato tutta l’umanità, una generazione dopo l’altra. Ogni essere umano ne è colpito, e può vederne molteplici sintomi nella sua vita stessa.

La Bibbia dichiara: Per mezzo di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo, e per mezzo del peccato la morte, e così la morte è passata a tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato” (Romani 5:12).

Alcuni di questi possono sembrare per come viene insegnato “veniali”, cioè non gravi, perdonabili, come la bugia, lo scherno, la gelosia; altri “mortali”, imperdonabili, come il furto, l’omicidio, la corruzione morale… Ma hanno tutti la stessa origine e portano alla stessa fine fatale: la morte.

Alla resurrezione dai morti chi non avrà creduto a Dio subirà “la morte seconda”, per come ancora dichiara la Parola di Dio in Apocalisse 21:8 – “Ma per i codardi, gl’increduli, gli abominevoli, gli omicidi, i fornicatori, gli stregoni, gli idolatri e tutti i bugiardi, la loro parte sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la morte seconda.” Ossia l’allontanamento eterno da Lui.

Dio ama gli uomini. Ha dato loro l’unico vaccino efficace per sfuggire al giudizio della “morte seconda”; è per tutti ed è gratuito. Questo rimedio è “il prezioso sangue di Cristo”, versato sulla croce, che “ci purifica da ogni peccato” e ci dà la vita eterna.

L’apostolo Pietro evidenzia chiaramente questo: Sapendo che non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri, ma con il prezioso sangue di Cristo, come quello di un agnello senza difetto né macchia” (1Pietro 1:18-19). Gridiamo col salmista Davide a Colui che solo può operare ciò, Dio.

Ed Egli sarà pronto a salvarci dalla morte eterna. “Abbi pietà di me, o Dio… Lavami da tutte le mie iniquità e purificami dal mio peccato; poiché riconosco le mie colpe, il mio peccato è sempre davanti a me. Ho peccato contro te, contro te solo, ho fatto ciò ch’è male agli occhi tuoi… lavami, e sarò più bianco della neve… Rendimi la gioia della tua salvezza… e la mia lingua celebrerà la tua giustizia” (Salmo 51).

Che così sia anche per te, per un NUOVO ANNO di gioia.

nikscorsone.maranath@libero.it



0 Commenti | Letto 1.828 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...