Suicidio

“Ho odiato la vita… perché tutto è vanità, un correre dietro al vento”.
Ecclesiaste 2:17

“Io so i pensieri che medito per voi, dice l’Eterno: pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza”.
Geremia 29:11

Secondo un’inchiesta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel mondo c’è un suicidio ogni 40 secondi e un tentativo ogni 3 secondi. Non è risparmiata nessuna nazione. E’ spesso la disperazione conseguente ad una crisi familiare o individuale che spinge a commettere un simile atto.

I ricercatori osservano che gli esseri umani possono adattarsi a qualunque situazione, purché abbiano una speranza. Ma speranza in chi? In che cosa?

- I progressi tecnici e scientifici rendono la vita più gradevole, ma spesso comportano nuove minacce per il domani.

- Certi cambiamenti politici hanno portato più pace e stabilità economica in alcuni paesi; altri però stanno affondando del caos.
- L’uomo è diventato migliore? Oppure rimane “un lupo per l’uomo”, come dicevano i latini?

- L’aspettativa di vita è aumentata, ma la morte rimane sempre una scadenza inevitabile.
Allora, c’è una speranza al di là di queste delusioni? Sì, c’è un motivo per sperare, è la buona notizia del Vangelo: Dio, il padrone della vita e della morte ci ama.

Ha dato il Suo Figlio, Gesù Cristo, il quale, dopo aver condiviso la nostra condizione umana, ha subìto il supplizio della croce ed è risuscitato per risolvere il problema del peccato.

Ancora oggi, a chi lo vuole, Dio offre il perdono, la pace del cuore, la vita eterna nella casa del Padre, dove la sofferenza sarà sconosciuta.

Questa speranza non si basa su valori effimeri, ma su certezze. Dio ve le offre oggi. L’accettate?

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 917 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...