In ascolto di chi?

In ascolto di chi?
“Parla, o Eterno, poiché il Tuo servo ascolta”. (1 Sarnuele 3:9)
11 versetto di oggi è un invito a fermarci un atti-
mo per fare ciò che fece Samuele: ascoltare… La
società tecnologica in cui viviamo, purtroppo, accen-
tua il problema. L’avvento dei social network, l’uti-
lizzo di sms, whatsapp, facebook… liniitano sempre
più il dialogo, la vera comunicazione, e ci portano ad
essere sempre più egocenlrici, amanti della propria
immagine, dell’ apparire, pronti a dire la nostra, a
farci valere e poco disposti ad ascoltare gli altri.
Anche nei confronti di Dio, che cerca di comuni-
care con noi, abbiamo lo stesso atteggiamento: siamo
troppo occupati e troppo presi da noi stessi per
ascoltarLo, perché la tecnologia sta monopolizzando
ogni residuo spazio della nostra esistenza, distraen-
doci dall~ascolto della voce divina.
Vorrei che tutti usassero questi mezzi con più
sobrietà ed intelligenza, e si fermassero per fare ciò
che Samuele fece: ascoltare la voce dell’Eterno, l’u-
nica capace di infondere sicurezza, di dare pace,
soddisfazione e certezze nella nostra vita, per oggi e
per il domani.

“Parla, o Eterno, poiché il Tuo servo ascolta”. (1 Samuele 3:9)

Il versetto di oggi è un invito a fermarci un attimo per fare ciò che fece Samuele: ascoltare…

La società tecnologica in cui viviamo, purtroppo, accentua il problema. L’avvento dei social network, l’utilizzo di sms, whatsapp, facebook… limitano sempre più il dialogo, la vera comunicazione, e ci portano ad essere sempre più egocentrici, amanti della propria immagine, dell’ apparire, pronti a dire la nostra, a farci valere e poco disposti ad ascoltare gli altri.

Anche nei confronti di Dio, che cerca di comunicare con noi, abbiamo lo stesso atteggiamento: siamo troppo occupati e troppo presi da noi stessi per ascoltarLo, perché la tecnologia sta monopolizzando ogni residuo spazio della nostra esistenza, distraendoci dall’ascolto della voce divina.

Sarebbe più opportuno che tutti usassero questi mezzi con più sobrietà ed intelligenza, e si fermassero per fare ciò che Samuele fece: ascoltare la voce dell’Eterno, l’unica capace di infondere sicurezza, di dare pace, soddisfazione e certezze nella nostra vita, per oggi e per il domani.

E tu, quale rapporto hai con la tecnologia? E con Dio?

tratto da “una parola per oggi”



0 Commenti | Letto 322 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...