Un’altra specie di marea nera

“Le opere della carne sono manifeste, e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria e altri simili cose: circa le quali, come vi ho già detto,…: chi fa tali cose non erediterà il regno di Dio”
Galati 5:19-21

Oggi l’opinione pubblica è sensibilizzata ai rischi e ai misfatti delle maree nere, provocate da incidenti a petroliere e perdite di greggio. Ma siamo anche coscienti dai danni causati da un’altra “marea nera”, invadente, ancora più pericolosa, quella della pornografia?

Ormai essa si estende dappertutto, alla luce del sole e praticamente senza nessuna censura. Quest’onda irrompente è un’aggressione contro tutti, grandi e piccoli. Pur avendo cura di evitare i siti in cui domina, non si può sfuggirle completamente.

Chi potrebbe arginarla? Ma non c’è mezzo di essere preservati dagli effetti nefasti di queste immagini? Molti vi trovano piacere senza vergognarsene.


Anche i cristiani hanno, come tutti gli esseri umani, una natura soggetta alla concupiscenza della carne, ma sono stati lavati, santificati, giustificati nel nome del Signore Gesù e per lo Spirito del nostro Dio (1 Corinzi 6:9-11); di modo che un vero credente soffre di essere immischiato in quello che contamina lo spirito. Se ne distoglie, come gl’insegna la Parola di Dio: “Aborrite il male” (Romani 12:9).

Se, invece, in presenza di un’immagine suggestiva, permettiamo al nostro sguardo di attardarsi e siamo attirati dal desiderio di vederne un po’ di più, i pensieri sono già contaminati e non sappiamo dove questo ci porterà.

Se qualcuno si è lasciato andare alla ricerca di un piacere malsano, sappia che Dio solo è potente per liberare da ogni dipendenza colui che riconosce le proprie colpe e confida in Lui.

Gesù ha vinto il male, in tutte le sue forme, e vuole renderci vittoriosi sul male e sul mondo. Ascoltiamo la  sua Parola , per credere in Lui e conoscerlo sempre meglio.

tratto da “il buon seme”


0 Commenti | Letto 1.030 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...