Alberi buoni e alberi cattivi

“Un albero buono non può fare frutti cattivi, né un albero cattivo fare frutti buoni”.
Matteo 7:18

“Dio ci ha dato la vita eterna, e questa vita è nel Figlio suo. Chi ha il Figlio ha la vita”.

1 Giovanni 5:11-12

Un albero può avere una bella apparenza; tuttavia, se i suoi frutti sono cattivi, l’albero è cattivo. Apriamo gli occhi sullo stato morale della società! Da ogni parte vediamo ingiustizie, dominio di chi è più forte o più astuto, priorità del denaro, vizi segreti in persone apparentemente oneste, ma spesso anche atti perversi alla luce del sole.

Per soddisfare l’orgoglio, si lacerano famiglie e società. Conflitti, guerre, tutto questo non viene forse dal cuore umano? Ognuno invidia quello che l’altro possiede e la gelosia può portare alla violenza. Tutta la società subisce la devastazione della corruzione dei costumi.

Se i frutti che l’uomo produce sono cattivi, è perché l’uomo è cattivo. Il peccato ha profondamente rovinato l’essere umano, che era stato creato innocente. L’uomo non manca di capacità e di intelligenza, ed è anche capace di atti di nobiltà, generosità, coraggio e dedizione.

Ma queste qualità non annullano affatto tutto il male che, per natura, gli esce dal cuore. Ascoltiamo la Bibbia che dichiara: “Dal cuore vengono pensieri malvagi, omicidi, adulteri, fornicazioni, furti, false testimonianze, diffamazioni” (Matteo 15:19). E non c’è rimedio, perché questo cuore è incurabile (Geremia 17:9).

Solo l’innesto di una vita nuova, quella di Gesù Cristo, è efficace per trasmettere una nuova natura. “Bisogna che nasciate di nuovo” (Giovanni 3:7), per fede.

tratto da “il buon seme”


0 Commenti | Letto 1.160 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...