Soldi o felicità?

Si dice che il denaro non fa la felicità ma vi contribuisce. La Bibbia afferma che le ricchezze acquisite sulla terra sono tutte destinate ad arrugginire! Si tratta chiaramente di una raffigurazione, ma dobbiamo riconoscere che è molto appropriata.

Per mezzo di essa Dio ci avverte che l’oro e l’argento hanno un valore effimero sulla terra e che non hanno alcun valore presso la banca del cielo. Da quattro anni, grazie all’euro, possiamo circolare in molti paesi d’Europa senza cambiare la moneta.

Ma nel regno di Dio non hanno corso né gli euro né le altre monete del mondo. Nessuna banca ce li cambierà? Però, e questa è una grande sorpresa, Dio ci accetta a mani vuote, così come siamo!

Egli pone una sola condizione: che riconosciamo che il prezzo del nostro riscatto è stato pagato; questo prezzo è rappresentato dal sangue del suo Figlio versato sulla croce del Golgota per purificarci per sempre dalle nostre colpe e dalla nostra indegnità. Sarebbe imprudente viaggiare all’estero senza possedere la moneta del paese. Sarebbe insensato presentarsi davanti a Dio senza aver soddisfatto la sola condizione che Lui pone, una condizione che non costa nulla, né euro né dollari.

Oggi Dio ci propone gratuitamente un avvenire di felicità a condizione che lo prendiamo in parola. Prendiamo sul serio la sua offerta, non rifiutiamola. Diamogli fiducia: è l’unico investimento sicuro per l’eternità.

“Non fatevi tesori sulla terra, dove la tignola e la ruggine consumano, e dove i ladri scassinano e rubano; ma fatevi tesori in cielo, dove né tignola né ruggine consumano e dove i ladri non scassinano, né rubano.”
Matteo 6:19-20

Tratto da “il Buon seme”


0 Commenti | Letto 1.032 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...