I soldi non danno la felicità

I soldi non danno la felicità
Dov’è il vostro tesoro, li sarà anche il
vostro cuore.
Nessun domestico può servire due
padroni; perché o odierà l’uno e amerà
l’altro, o avrà riguardo per l’uno e
disprezzo per l’altro. Voi non potete
servire Dio e Mammona (cioè la ric-
chezza).
Luca 12:34; 16:13
I soldi non danno la felicità
Questo noto proverbio è veramente condiviso?
Non si direbbe; basta pensare a quanta gente
partecipa alle tante lotterie e scommesse, a
quanti frequentano i casinò o non rinunciano a
tentare la fortuna con un semplice Gratta e Vinci.
11 sistema del mondo fa luccicare davanti agli

“Dov’è il vostro tesoro, li sarà anche il vostro cuore. Nessun domestico può servire due padroni; perché o odierà l’uno e amerà l’altro, o avrà riguardo per l’uno e disprezzo per l’altro. Voi non potete servire Dio e Mammona” (cioè la ricchezza).

Luca 12:34; 16:13

Questo noto proverbio è veramente condiviso? Non si direbbe; basta pensare a quanta gente partecipa alle tante lotterie e scommesse, a quanti frequentano i casinò o non rinunciano a tentare la fortuna con un semplice Gratta e Vinci.

Il sistema del mondo fa luccicare davanti agli occhi una felicità fondata sul denaro e sul successo, ma la Bibbia ci mostra l’insidia nascosta: “L’amore del denaro è radice di ogni specie di mali; e alcuni che vi si sono dati, si sono sviati dalla fede e si sono procurati molti dolori” (1 Timoteo 6:10).

Il denaro è certamente utile, ma non deve diventare un idolo. Una parabola del Signore (Luca 12:16-21) illustra i versetti del giorno. Un proprietario terriero ha avuto degli abbondanti raccolti; e dice fra sé e sé: Non ho abbastanza posto per immagazzinare tutto questo grano; costruirò dei silos più grandi, e poi potrò ritirarmi, riposarmie godermi la vita! Ma Dio gli dice: “Stolto, questa notte stessa l’anima tua ti sarà ridomandata; e quello che hai preparato, di chi sarà?”

Gesù conclude: “Così è di chi accumula tesori per sé e non è ricco davanti a Dio”.

Tutti, ricchi o poveri che siano, possono essere talmente attratti dal denaro da diventare preda del desiderio di avere sempre di più, e più degli altri. Facciamo attenzione a non cadere anche noi in questo tranello.

Per contro, Gesù Cristo, quand’era uomo in questo mondo, non ha mai desiderato nulla per Sé. Qual era il suo movente? “Cristo ci ha amati e ha dato se stesso per noi” (Efesini 5:2).

Vale la pena dare ascolto a quello che ci dice.

E tu che ne pensi?

tratto da “il buon seme”



1 Commenti | Letto 1.706 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...