“Perchè vivi?”

Ti è già capitato di incontrare un giovane di una ventina di anni che ti chieda, guardandoti bene negli occhi: “E tu, perché vivi?” A me è successo. Per qualcuno potrebbe essere uno shock.
E una domanda diretta che s’impone brutalmente: ma io, io so bene perché vivo?

Forse tu che stai leggendo sei come quel giovane, in preda a interrogativi angosciosi. Se è così, non ti servirebbero delle rassicurazioni superficiali, che sovente sono anche false; tu stesso hai già riflettuto abbastanza, e hai ben compreso la vanità di tante cose.

Ti invito a cercare di metterti al posto del cieco Bartìmeo, al tempo di Gesù (Marco 10:46-52). Seduto sul ciglio della strada, privo di ogni mezzo di sussistenza, mendicava per sopravvivere. Ed ecco che una folla s’avvicina, è stretta attorno a Gesù, che passa di lì. Spinto dalla disperazione, Bartìmeo grida a Gesù di aver pietà di lui; grida perché Gesù lo ascolti, lo faccia avvicinare a sé, lo guarisca. E così avviene.

Se pensi che la tua vita non abbia un senso, sei come Bartìmeo. Ma anche tu hai la sua stessa risorsa: gridare a Gesù.

Gesù ti ascolta e vuole che ti avvicini a lui: “Coraggio” ti dice. È venuto in questo mondo per darci il coraggio di vivere.

La domanda non è più: “Perché vivi?” ma: “Per chi vivi?”.

Puoi vivere il resto dei tuoi giorni con Gesù, per lui, perché hai la convinzione dei tuoi profondi bisogni, ma anche del suo amore immenso e delle sue compassioni: è il suo progetto per te. Allora lo sentirai dire: “Figliolo, coraggio, i tuoi peccati ti sono perdonati”.

Gesù disse: “Figliolo, coraggio, i tuoi peccati ti sono perdonati.”
Matteo 9:2

” Vi ho detto queste cose, affinché abbiate pace in me.
Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi coraggio,
io ho vinto il mondo”
Giovanni 16:33



0 Commenti | Letto 1.871 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (1 voti finora, media di: 5,00 su 5)
Caricamento ... Caricamento ...