Nessuna differenza

“In qualunque nazione chi teme (Dio) ed opera giustamente gli è gradito”.
Atti 10:34-35

“Non c’è distinzione: tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù”.
Romani 3:22-24

Quando il re di Francia Carlo IX nominò Amboise Paré suo primo chirurgo, gli disse: “Spero che curerai il re meglio dei poveri. – Impossibile sire! – E perché? – Perché ho sempre curato i poveri come dei re”.

Amboise Paré, cristiano fervente, fondava la sua vita sulla Bibbia. Conosceva certamente l’epistola di Giacomo e questo testo: “Se avete riguardi personali, voi commettete un peccato e siete condannati dalla legge quali trasgressori” (Giacomo 2:9).

In questo, Amboise Paré era imitatore di Dio che amava e conosceva. Dio “fa levare il suo sole sopra i cattivi e sopra i buoni” (Matteo 5:45). “Dio è potente, ma non respinge nessuno” (Giobbe 36:5). Egli “vuole che tutti gli uomini siano salvati” (1 Timoteo 2:4).

Abbiamo tutti bisogno di essere salvati dal peccato, dalla morte eterna. Le differenze di classi sociali, di popoli, di culture, non hanno valore per entrare nel regno di Dio. Importa una sola cosa: riconoscere il nostro stato morale di perdizione davanti a Dio e confidarci in Gesù per essere salvati.

Nessuna differenza! Cristiani, quest’espressione non ci riguarda? Noi che siamo spesso propensi a fare distinzioni tra le persone, ad apprezzare alcuni più di altri, non dimentichiamo l’esempio di Amboise Paré!

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 1.389 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...