Il giusto giudizio di Dio

Il giusto giudizio di Dio

“Chi crede nel Figlio (di Dio) ha vita eterna, chi invece rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui”.

Giovanni 3:36

Cosa ne sarà degli increduli quando dovranno comparire con tutto il peso dei loro peccati davanti al grande Giudice?

Il pensiero, o meglio la preghiera, che sovente sentiamo alle sepolture: “possa Dio essere un giudice clemente” non ha nessun valore e non fa altro che ingannare le persone.
L’uomo che muore senza aver confessato i propri peccati e senza fede, incontrerà il giusto Giudice. E guai a coloro che passeranno per quel giudizio!

Nel Vangelo di Giovanni leggiamo che tutti quelli che si sono riconciliati con Dio, accettando Gesù come loro Salvatore, non verranno in giudizio: (Gesù disse:) In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita”. (Giovanni 5:24)

“Non c’è dunque più nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù (Romani 8:1)

Solo la fede in Cristo permette a Dio di perdonare i peccatori. Ma su tutti coloro che respingono il Suo perdono, “l’ira di Dio rimane”.

Perché “l’ira di Dio”? Perché Dio non può tollerare il peccato; perché essendo tutti gli uomini peccatori per natura, Dio deve giudicarli e condannarli.
L’unico mezzo per scampare a questo giudizio è mettere la propria fiducia nel Signore Gesù e nella Sua opera alla croce.

Dimmi allora, lettore, sei già “in Cristo Gesù”?
“Eccolo ora il tempo favorevole; eccolo ora il giorno della salvezza!” (2 Corinzi 6:2)

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 1.967 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...