Credere a Dio

Dopo questi fatti, la parola del SIGNORE fu rivolta in visione ad Abramo, dicendo: «Non temere, Abramo, io sono il tuo scudo, e la tua ricompensa sarà grandissima». Abramo disse: «Dio, SIGNORE, che mi darai? Poiché io me ne vado senza figli e l’erede della mia casa è Eliezer di Damasco». E Abramo soggiunse: «Tu non mi hai dato discendenza; ecco, uno schiavo nato in casa mia sarà mio erede».
Allora la parola del SIGNORE gli fu rivolta, dicendo: «Questi non sarà tuo erede; ma colui che nascerà da te sarà tuo erede». Poi lo condusse fuori e gli disse: «Guarda il cielo e conta le stelle se le puoi contare». E soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza». Egli credette al SIGNORE, che gli contò questo come giustizia.”
Genesi 15:1-6

Abramo aveva ottenuto una grande vittoria militare, ma nonostante ciò non se ne rallegra, anzi, è amareggiato perché è già vecchio e non ha ancora figli.
Quando Dio gli appare in visione per incoraggiarlo, Abramo, deluso, gli risponde: “Tu non mi hai dato una discendenza” (v.3).

Chi non ha potuto avere dei figli comprende bene il suo dolore, ma non capita forse anche a noi, quando siamo nella sofferenza, di fare a Dio dei rimproveri come ha fatto Abramo?
Quale fu la risposta divina? Dio fece uscire Abramo nella notte e gli disse: “Guarda il cielo e conta le stelle se le puoi contare…Tale sarà la tua discendenza” (v.5).

Nella tranquillità di quella conversazione notturna, Abramo credette alle parole di Dio, senza preoccuparsi del fatto che umanamente, a causa dell’età molto avanzata, lui e sua moglie non avrebbero potuto più avere figli.

Dio “gli contò questo come giustizia” (v.6), cioè lo definì giusto per aver avuto fiducia in Lui. Quell’atto di fede segnò una tappa fondamentale nella vita di Abramo, poiché è per fede che l’uomo è giustificato agli occhi di Dio, è per fede che gli è accordato il perdono e la salvezza.

Quanto è avvenuto, allora è vero ancora oggi: io credo a quello che Dio dice?

A tutti è rivolto lo stesso invito: credere a Dio.

Credere a Dio è molto più che credere alla Sua esistenza: è credere a quello che ha detto nella Bibbia riguardo all’uomo e riguardo al Suo Figlio Gesù Cristo, cioè che “tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio…Ma tutti quelli che credono sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù…mediante la fede nel suo sangue” (Romani 3:10, 23-25).

Caro/a lettore/lettrice, credi TU a quello che dice Dio?

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 1.400 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...