Abbiamo dato tutto a Gesù?

E Pietro a lui (Gesù): ‘Quand’anche dovessi morire con te, non ti rinnegherò’. E lo stesso dissero pure tutti i discepoli”.

Matteo 26:35

“Paolo allora rispose’:…Sono pronto non solo ad essere legato, ma anche a morire a Gerusalemme per il nome del Signore Gesù’ ‘” .
Atti 21:13

Ecco due versetti che, benché in un contesto diverso, affermano la stessa verità. Pietro si rivolge a Gesù stesso, e Paolo ai discepoli di Cesarea.
E’ vero che in un primo tempo Pietro rinnegò Gesù, ma alla fine, né lui, né Paolo rifiutarono il martirio per amore per Lui.

Anche se non dovremo fare una fine così drammatica, per noi credenti resta valido che, da un punto di vista più generale, dobbiamo letteralmente “dare” la nostra vita a Gesù; e non solo il giorno della nostra conversione, ma durante tutto il nostro cammino con Lui.

Morire per il nome di Gesù non significa soltanto accettare soprusi come reazione alla nostra testimonianza, anche se è già molto; vuol anche dire darsi anima e corpo a Dio, senza porre condizioni o restrizioni, senza avere timore di ciò che questo può produrre.

Significa non temere di perdere qualcosa che ci è caro come, ad esempio, la nostra salute, la nostra posizione sociale, professionale o religiosa. Gesù stesso ha parlato di questa rinuncia quando ha detto: “chi avrà trovato la sua vita la perderà; e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà” (Matteo 10:39).

Forse c’è ancora, ben nascosto in un angolo del nostro cuore, qualcosa che non vogliamo cedere a Gesù? Siamo disposti a dargli tutto, in risposta all’amore con cui ci ha amati? “La vita che vivo…, la vivo nella fede nel Figlio di Dio il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me” (Galati 2:20).

tratto da “il buon seme”


0 Commenti | Letto 1.156 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...