Pace o rimorsi?

“Coloro che non ubbidiscono al vangelo del nostro Signore Gesù… saranno puniti di eterna rovina, respinti dalla presenza del Signore e dalla gloria della sua potenza”.
2 Tessalonicesi 1:8-9

“Dio infatti, non ci ha destinati a ira, ma ad ottenere salvezza per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo”.
1 Tessalonicesi 5:9

Il Vangelo non sarebbe tale se non parlasse anche dell’avvenire eterno degli uomini. Una parte di loro sarà nella felicità della presenza di Dio, un’altra parte nella sofferenza per l’eterna lontananza da Dio.

La Bibbia parla di un luogo di tormenti eterni, chiamato comunemente “inferno”; perciò dobbiamo parlarne anche noi.
A volte, i testimoni di fatti e scene terribili dicono: “Era un inferno”, per significare che c’era confusione e sofferenza, distruzione e terrore. Così Richard Wurmbrand, che per la sua testimonianza cristiana è stato più volte in prigione fra i delinquenti comuni, ha detto: “L’inferno è essere seduti al buio a ricordare le proprie colpe”.

Gli sbagli che influiscono sulla vita degli altri sono pesanti da sopportare. Gli errori di ordine sessuale (adulteri, inganni, aborti, ecc) provocano ugualmente dolenti rimpianti, dai quali è difficile liberarsi.
A chi parlare della propria sofferenza, nella solitudine? Rivolgetevi a Dio. Ditegli con semplicità tutto ciò che vi opprime la coscienza.

Gesù Cristo, suo Figlio, ha portato la pena dei nostri peccati alla croce. Egli perdona e toglie il peso dei rimorsi e della colpa.

Egli dà la pace. La Sua presenza al nostro fianco diventa una certezza, e la preghiera diventa un libero scambio con il Dio d’amore. Egli può riempire con la sua presenza anche la cella di una prigione.
Accettiamo il dono che Dio ci ha fatto in Gesù Cristo; gusteremo la felicità della sua presenza già su questa terra e per l’eternità.

tratto da “il buon seme”



0 Commenti | Letto 1.028 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...