Esiste il cielo?

Non stiamo parlando del cielo fisico che Dio creò al principio, ma del luogo di Dio, del Suo cielo, del Suo paradiso. Esiste? Per questo soggetto vorrei iniziare dalle parole di Gesù: «Beati i poveri in spirito, perché di loro è il regno dei cieli” (Matteo 5:3).

In questo mondo vi sono uomini che sembrano essere dio a se stessi. Sono questi i poveri di spirito? No, sono coloro che riconoscono la loro miseria, la loro insufficienza per la loro salvezza, e cercano Dio con tutto il cuore. Prima di ascendere al cielo Gesù ci lasciò la seguente promessa: “Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? Quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io, siate anche voi; e del luogo dove io vado, sapete anche la via”. Tommaso gli disse: “Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo sapere la via?” Gesù gli disse: “Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me(Giovanni 14:1/6). Alla Sua ascesa gli angeli dissero ai discepoli: “Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù, che è stato portato in cielo di mezzo a voi, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo” (Atti 1:11).

Per il Suo ritorno sta scritto: “Fratelli, non siate nell’ignoranza riguardo a quelli che dormono, affinché non siate tristi come gli altri che non hanno speranza… Poiché il Signore stesso… scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre con il Signore. Consolatevi dunque gli uni gli altri con queste parole” (1Tessalonicesi 4:13-18). Quindi l’apostolo Paolo rivolto a tutti i credenti poteva ben dire: “Sappiamo infatti che se questa tenda che è la nostra dimora terrena viene disfatta, abbiamo da Dio un edificio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna, nei cieli” (2Corinzi 5:1). Ritornando a Matteo 5 al versetto 12 Gesù dice: “Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli.” Sarà un grave peccato mancare a questo appuntamento, a questo premio, altro che coppa del mondo o premio Oscar!!! La Bibbia afferma che il cielo è il regno di Cristo e di Dio (Efesini 5:5).

Il cielo è la Patria del credente (Ebrei 11:13/16). L’apostolo Paolo. confrontandolo con questo mondo, diceva che è molto meglio (Filippesi 1:23). Per forza che deve essere così, il cielo è la dimora di Dio (Matteo 6:9). Molti purtroppo pensano che il cielo non esiste, altri che è solo per dei super credenti. Lasciali perdere, “sono ciechi, guide di ciechi; ora se un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso”, diceva Gesù (Matteo 15:14). Credi solo alle Sue promesse, e nel Suo cielo, ci sarai anche tu.


nikscorsone@maranatha-soon.it



0 Commenti | Letto 1.191 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (Nessun voto ancora, dai il primo tu!)
Caricamento ... Caricamento ...