La Trinità…

….comprenderla secondo la Bibbia

IL TERMINE “TRINITÀ” NON SI TROVA NELLA BIBBIA, MA È UNA DOTTRINA INSEGNATA DALLA BIBBIA


I testimoni di Geova respingono la TRINITÀ. Il testimone di Geova, condizionato dall’istruzione ricevuta dalla Torre di Guardia, la concepisce come una triade di dei. La sua mente corre subito al politeismo della religione egiziana o babilonese. Noi qui non vogliamo occuparci di storia del dogma, ma solamente, senza alcun dogmatismo, cercar di comprendere l’UNITÀ DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO.


Questo è fondamentale: L’unità non va intesa nel senso che varie persone abbiano la medesima opinione, come viene insegnato a fare ai testimoni di Geova. L’unità nella trinità si deve intendere come l’operare di un unico Spirito. Essa si potrebbe raffigurare come il nodo che abbiamo disegnato. Allo stesso modo in cui un lato del nodo forma una unità col legandosi agli altri due lati, così bisogna capire il modo di operare e l’inseparabile unità esistente nel PADRE, nel FIGLIO E NELLO SPIRITO SANTO.


La Bibbia ci fa capire che Dio opera attraverso un unico e medesimo Spirito. In 1.Cor.12,11 leggiamo:”Tutte queste cose le opera quell’unico e medesimo Spirito.”

In quest’unico Spirito, secondo 1.Cor.12,5, si rivela:”… un medesimo Signore ” (Gesù)

In quest’unico Spirito, secondo 1.Cor.12,6, si rivela:”… un medesimo Dio.” (Padre)

Sulla base di questa conoscenza, confrontiamo alcuni passi dell’AT con altri del NT. Dal confronto risulta che anche l’AT parla dell’unità del Padre e del Figlio. Scegliamo alcuni versetti fra i molti che si potrebbero citare.

IL PADRE (DIO) HA CREATO TUTTE LE COSE
Gen.1,1 / Gen.1,26-27 / Is.37,16 / Ebr.3,4

IL FIGLIO (DIO) HA CREATO TUTTE LE COSE
Giov.1,10 / Col.1,16-17 / Is.37,16 / Ebr.3,4


Se si leggono questi versetti senza tener presente il mistero della Trinità, essi ci appaiono innanzitutto contraddittori. Ma se li si considera con una conoscenza trinitaria, si riconosce subito l’operare del PADRE ATTRAVERSO IL FIGLIO NELLO SPIRITO SANTO.
Questa unità la troviamo molto chiaramente espressa in:

1.Cor.12,4:”Ora vi è diversità di doni, ma vi è un medesimo spirito.”

1.Cor.12,5:”Vi è diversità di ministeri, ma non v’è che un medesimo Signore.”

1.Cor.12,6:”Vi è varietà di operazioni, ma non vi è che un medesimo Dio, il quale opera tutte le cose in tutti.”

Anche i seguenti versetti parlano di una unità:

Matt. 10,20:”Poichè non siete voi che parlate, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.”

Luca 12,12 :”Perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento stesso quel che dovrete dire.”

Luca 21,15 :”Perché io (Gesù) vi darò, una parola e una sapienza.”


Si hanno qui tre soggetti diversi che parlano ai discepoli? Ciò, equivarrebbe a dire che, nella medesima circostanza, tre Spiriti diversi agirebbero come avvocati. Gesù invece aveva parlato di un unico Avvocato. A questo punto è giusto accennare ad un dato di fatto. Lo Spirito Santo spesso è stato considerato come una personalità a sé stante, mitologicamente separata da Dio, indipendente. Ciò ha provocato molte dispute e malintesi. Fatalmente si è passati ad immaginare Dio come una unione di tre dei, oppure si è sfociati nel Modalismo, che concepisce la Trinità come tre modi di manifestarsi dell’ unico Dio o come tre successive manifestazioni di Dio.

La Bibbia mostra molto chiaramente: Lo Spirito Santo non è una terza persona indipendente che si colloca fra Dio e gli uomini, ma è la personale vicinanza di Dio.

Per la comprensione di Giov.1,1-14

Nel principio era la Parola, la Parola.era con Dio, e la Parola era Dio.” (*)

(*) Per una migliore comprensione di questo passo, invitiamo i testimoni di Geova a leggere l’altro trattato: LA BIBBIA DEI TESTIMONI DI GEOVA È STATA GUASTATA DALLO SPIRITISMO?


Nel versetto 14 leggiamo:”E la Parola è diventata carne ed ha abitato per un tempo tra di noi, piena di grazia e di verità; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come quella dell’Unigenito venuto da presso il Padre.”
Da questo passo risulta, senza alcuna possibilità di dubbio, che la Parola (Logos) venne come uomo sulla terra. In tal modo il Figlio Unigenito fu la rivelazione e la manifestazione dell’unico Dio. Così comprendiamo che Dio venne presso di noi nel Figlio e che nel Figlio egli venne adorato. Perciò anche noi oggi possiamo adorare Dio attraverso il Figlio e nel Figlio. Giacché Gesù Cristo è il Signore, Kyrios. Questo titolo compete solamente a Dio. Per i veri discepoli di Cristo non c’è mai stato dubbio su questo punto, né ieri né oggi.

Quando la Bibbia parla della Parola di Dio, essa intende la Parola divinamente alitata. E questa è parte assolutamente integrante di Colui che la pronunzia, cioè del suo GENITORE. Pensiamo per esempio a Gen.1,3. La Parola procede da Dio come LOGOS. Oppure a Prov.8,22-31, ove si vede che la Sapienza procede dal seno di Dio e viene presentata come GENERATA, come il FIGLIO PREDILETTO o come l’ARTEFICE dell’universo. Si tratta di una inequivocabile allusione al FIGLIO UNIGENITO. Questo FIGLIO si fece uomo.
Come già detto sopra, questo Figlio di Dio è nello stesso tempo la rivelazione e la manifestazione dell’Unico Dio. Iddio venne a noi “nel Figlio,” perché voleva rivelarci il suo amore. Pertanto noi, “nel Figlio”, adoriamo Dio Padre. Perciò Gesù potè dire ai suoi discepoli:

“LA PAROLA CHE VOI UDITE NON È MIA, MA È DEI. PADRE CHE MI HA MANDATO.” (Giov.14,14)

“NON CREDI TU CHE IO SONO NEL (*) PADRE E CHE IL PADRE È IN ME?” (Giov.14,10)

(*) La Traduzione del Nuovo Mondo usa costantemente l’espressione :”…UNITO A…” (Questa maniera di tradurre non solo è errata ma impedisce altresì la comprensione del mistero trinitario che la Bibbia vuole fornirci. Più avanti daremo una spiegazione teologica della nota formula paolina:”…IN CRISTO…”
Un versetto chiave sull’argomento è per noi Giov.14,23:
“SE UNO MI AMA, OSSERVERÀ LA MIA PAROLA;E IL PADRE MIO L’AMERÀ, E NOI VERREMO A LUI E DIMOREREMO PRESSO DI LUI.”

È chiaramente detto che sia il Padre che il Figlio prendono dimora in noi. E ciò avviene mediante o nello Spirito – cioè nello SPIRITO SANTO.

Per concludere, possiamo dire: NELLO SPIRITO SANTO OPERANO SEMPRE IL PADRE ED IL FIGLIO IN UNA INSEPARABILE UNITÀ, (v. il disegno del nodo).

Partendo da questo punto, per un testimone di Geova, disposto ad accettare Gesù come suo Signore, non dovrebbe essere difficile pronunziare la parola TRINITÀ e, secondo la conoscenza biblica ora acquisita, adorare Dio in questa verità di fede.

“IN CRISTO” OPPURE “UNITI A CRISTO” – cosa insegna la Bibbia?
Dalla giusta comprensione della formula paolina “IN CRISTO” dipende la vita eterna. “UNITO” o “UNITI A CRISTO” non è lo stesso che “IN CRISTO”. La Bibbia della Torre di Guardia, in tutta una serie di versetti, traduce – falsando il significato – :”UNITI A CRISTO” anziché “IN CRISTO”. Eccone alcuni esempi:

Giov.14,20; 15,4-7; 17,21; Rom.8,10; 2.Cor.5,17; Fil.3,9; 1.Giov.2,5-6; 3,6; 3,24; 4,4; 4,13; 4,15-16; 5,20.

Su tutto l’insieme di questi versetti, getta una luce decisiva 1.Cor.15.22:
“POICHÈ. COME TUTTI MUOIONO IN ADAMO. COSÌ ANCHE IN CRISTO SARANNO TUTTI VIVIFICATI.”

Davanti a questo versetto la Bibbia della Torre di Guardia non ha potuto deviare, altrimenti avrebbe dovuto ricorrere a questa curiosa formulazione:”Poiché come uniti ad Adamo tutti muoiono…”


La chiave per comprendere la formula “IN CRISTO” si trova indubbiamente nel versetto sopra citato. Essa riceve il suo significato dalla contrapposizione:”IN ADAMO”. Come “tutti gli uomini”, secondo la loro natura, sono “FIGLI DI ADAMO” e morti nella carne, così “TUTTI I FIGLI DI DIO” per natura sono VIVENTI NELLO SPIRITO. Giacché Cristo, come secondo I  Adamo, è  uno SPIRITO VIVIFICANTE. Tutto ciò che è nato da questo Spirito è SPIRITO. 1.Cor.15,45 / 2.Cor.3,17. Perciò i “CRISTIANI RINATI” sono già da adesso FIGLI DI DIO E GIÀ POSSEGGONO-LA “NUOVA VITA” (VITA ETERNA), REALMENTE ED ESISTENZIALMENTE.
LA CONSEGUENZA PER I TESTIMONI DI GEOVA

A causa della falsa traduzione della Bibbia e della falsa dottrina della TG, i testimoni di Geova vengono fatti passare accanto a Gesù senza ricevere la salvezza. Ora la Bibbia insegna che bisogna NASCERE DI NUOVO, bisogna essere rigenerati “DALL’ALTO” (da Dio). Questa nuova vita ci viene dal “SECONDO ADAMO”. Giacché Iddio crea la nuova vita “IN CRISTO” ma in nessun caso “UNITI A CRISTO” (questo lo pensa solo la Torre di Guardia). Allorquando Iddio effonde il suo Spirito o lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, noi veniamo rigenerati. Diventiamo veri e propri “FIGLI DI DIO”. Veniamo resi viventi “IN CRISTO” o “CON CRISTO”. Gal.4,6; Rom.8,9-11.

La formula “IN CRISTO” ha un carattere sostanziale, come si è visto in 1.Cor.15,22. Anche per comprendere cosa sia le REDENZIONE compiuta da Gesù Cristo, bisogna afferrare il significato dell’espressione “IN CRISTO”. Difatti “IN CRISTO” il “NOSTRO VECCHIO UOMO” è andato alla croce, la nostra “CARNE” è stata crocifissa “CON CRISTO” o “IN CRISTO”. Così, come siamo morti “CON CRISTO”, siamo anche ritornati alla vita, risorti con lui. Oppure vogliamo dire che siamo risorti “UNITI A CRISTO”, secondo la formulazione della Torre di Guardia? Un pensiero issurdo, come banale è la formulazione!


Vorremmo che i testimoni di Geova, sulla base di quanto abbiamo esposto, potessero altresì riconoscere che non ci possono essere due classi di credenti, con due diverse speranze, vale a dire una speranza celeste ed una terrena. IL CRISTO non è diviso. Chi è “IN CRISTO” è un solo CORPO con lui. In Gal.3, 26-29 è scritto:”…SIETE TUTTI FIGLI DI DIO PER LA FEDE IN CRISTO GESÙ. INFATTI VOI TUTTI CHE SIETE STATI BATTEZZATI IN CRISTO VI SIETE RIVESTITI DI CRISTO. NON C’È QUI NÈ GIUDEO NÈ GRECO; NON C’È NÈ SCHIAVO NÈ LIBERO; NON C’È NÈ MASCHIO NÈ FEMMINA; PERCHÈ VOI TUTTI SIETE UNO IN CRISTO GESÙ.

UN CONSIGLIO DA AMICO AI TESTIMONI DI GEOVA: PROVATE GLI SPIRITI… PROVATE LO SPIRITO DELL’ORGANIZZAZIONE, POICHÉ ESSA INSEGNÀ UN ALTRO VANGELO; UN VANGELO CHE NÈ CRISTO NÈ PAOLO HANNO MAI ANNUNCIATO.
PICCOLA APPENDICE -RUSSELL E LA TRINITÀ

Chi esamina gli scritti della TG a partire dai suoi inizi, non può fare a meno di notare un continuo mutare delle dottrine. I cambiamenti nelle dottrine e nelle date (falsa datazione / falsa profezia) hanno formato, nel corso di decenni, un farraginoso labirinto di contraddizioni, fino a costituire un castello di menzogne. Nessun testimone di Geova, studiando oggi la storia della formazione di queste dottrine, riuscirebbe a trovar-visi a proprio agio. Una delle tante prove ci viene fornita dallo stralcio, che riproduciamo, dal 7° volume di “Schriftstu-dien” (il volume contiene una parte degli scritti di Russel insieme con pensieri di Rutherford), un’opera della TG pubblicata in Germania intorno al 1918. Il passo riporta la confessione di fede di Russel, il fondatore della Torre di Guardia. Lo riproduciamo perché esso concorda col nostro trattato.

CONFESSIONE DI FEDE DI RUSSELL
È stupefacente poter constatare che Russell aveva una buona COMPRENSIONE della TRINITÀ. Egli non si distaccava molto dal credo di Nicea. Inoltre balza agli occhi come Russel riconoscesse che l’UNIGENITO FIGLIO DI DIO venuto in terra è vero uomo e vero Dio:”…COME CREDIAMO NELL’UMANITÀ DI GESÙ, COSÌ ALTRETTANTO FERMAMENTE CREDIAMO NELLA DIVINITÀ DI CRISTO…” (Ebr.7, 26 / Fil.2,9).
“…RICONOSCIAMO CHE LO SPIRITO SANTO PROCEDE DAL PADRE E DAL FIGLIO E SI MANIFESTA IN TUTTI QUELLI CHE SONO STATI GENERATI DALLO SPIRITO SANTO DIVENTANDO IN TAL MODO FIGLI DI DIO (Giov. 1,12 / 1.Piet.l,3). Ciò è in pieno contrasto con la dottrina attuale della TG. Le dottrine della Torre di Guardia classificano oggi l’UNIGENITO FIGLIO DI DIO come l’arcangelo Michele (v. il libro della TG “Sia fatta la tua volontà in terra”, pagg. 310-311). Non è  senza interesse che anche l’ispirazione demoniaca di J. Greber sostenga la stessa tesi (v. il trattato: “LA BIBBIA DEI TESTIMONI DI GEOVA È STATA GUASTATA DALLO SPIRITISMO?”).

Facciamo tesoro del versetto 4,1 dalla 1. lettera di Giovanni:
“CARISSIMI, NON CREDIATE A OGNI SPIRITO; MA PROVATE GLI SPIRITI PER SAPERE SE SONO DA DIO; PERCHÈ MOLTI FALSI PROFETI SONO APPARSI NEL MONDO.”


Exodus-Aktuell è un servizio d’informazioni sopraconfessionale teso a favorire il dialogo coi testimoni di Geova.



1 Commenti | Letto 1.662 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (1 voti finora, media di: 5,00 su 5)
Caricamento ... Caricamento ...