Rinunciare agl’idoli

Rinunciare agl’idoli
Gl’idoli delle nazioni sono argento e oro,
opera di mano d’uomo. Hanno bocca e
non parlano; hanno occhi e non vedo-
no… Siano simili a loro quelli che li
fanno, tutti quelli che in essi confidano.
Salmo 135:15-18
Dio è Spirito; e quelli che l’adorano,
bisogna che l’adorino in spirito e verità.
Giovanni 4:24
Rinunciare agl’idoli
Sapete qual è stato il cambiamento fondamenta-
le nella vita dei credenti della Bibbia? La rinuncia
agl’idoli. Abraamo ha lasciato il suo paese e i suoi
parenti, ma anche gl’idoli che la sua famiglia

“Gl’idoli delle nazioni sono argento e oro, opera di mano d’uomo. Hanno bocca e non parlano; hanno occhi e non vedono… Siano simili a loro quelli che li fanno, tutti quelli che in essi confidano”.

Salmo 135:15-18

“Dio è Spirito; e quelli che l’adorano, bisogna che l’adorino in spirito e verità”.

Giovanni 4:24

Sapete qual è stato il cambiamento fondamentale nella vita dei credenti della Bibbia? La rinuncia agl’idoli.

Abraamo ha lasciato il suo paese e i suoi parenti, ma anche gl’idoli che la sua famiglia adorava (Genesi 12: 1-3; Giosuè 24:2).

Mosè ricevette da Dio questo comandamento: “Io sono il SIGNORE, il tuo Dio… Non avere altri dèi oltre a me” (Esodo 20:1-3).

In effetti, l’idolatria è una costante nella storia dei popoli. Sono stati adorati idoli fabbricati da uomini, ma anche le forze della natura, gli astri, gli animali.

Oggi ci si prostra davanti al denaro, al potere, alle star dello sport e dello spettacolo… Questi sono gli idoli dei tempi moderni.

Anche il nostro “io” può diventare un idolo che prende volentieri il posto di Dio.

La fede, al contrario, si confida in un Dio che non vede, perché “Dio è spirito” (Giovanni 4:24); ma sa che “le sue qualità invisibili  si vedono chiaramente fin dalla creazione del mondo essendo percepite per mezzo delle opere sue” (Romani 1:20).

La fede rinuncia a volersi rappresentare Dio e crede alla sua Parola. Tommaso, il discepolo di Gesù, non voleva credere che il Signore fosse risuscitato, fino a quando non lo vide di persona; e “Gèsù gli disse: Perché mi hai visto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!” (Giovanni 20:29)

Questa beatitudine la potete conoscere fin da subito, trovando la pace con Dio e la certezza di avere nella sua casa celeste un posto col Signore Gesù.

Hai tu questa certezza?



0 Commenti | Letto 1.851 volte


 
PessimoMediocreSufficienteBuonoOttimo (2 voti finora, media di: 1,00 su 5)
Caricamento ... Caricamento ...